30 Settembre 2019 Commenti disabilitati su Rassegna stampa 30 settembre Visualizzazioni: 56 News, Rassegna stampa

Rassegna stampa 30 settembre

Tutto Intermediari – Indagine IPER e ultime rilevazioni: il premio medio RC Auto continua a scendere

“L’ultimo bollettino statistico Iper dell’Ivass relativo all’andamento dei prezzi effettivi per la sola garanzia Rc auto nel secondo trimestre 2019 ha evidenziato come il premio medio effettivamente pagato per i contratti stipulati o rinnovati nel periodo considerato sia pari a 405 euro (-1,5% rispetto al secondo trimestre 2018).”

Leggi l’articolo completo su Tutto Intermediari.it

 

Insurance Trade – Idd, al via la consultazione di Ivass e Consob

“Ivass e Consob hanno avviato la consultazione sul recepimento della direttiva europea in materia di distribuzione assicurativa (Idd). La raccolta di pareri si chiuderà il 31 ottobre prossimo.”

Leggi l’articolo completo su Insurance Trade.

 

Il Sole 24 Ore – Long Term Care/ Italia Paese di badanti e cargiver. Welfare pubblico per pochi, gestori alle porte. L’analisi Cergas Bocconi

“La coperta del welfare pubblico continua a essere cortissima quando si guarda agli anziani e soprattutto è una coperta strappata: qualche zona d’Italia la copre meglio, tutte le altre decisamente no.”

Leggi l’articolo completo su Il Sole 24 Ore.

 

Repubblica.it – Ambiente, da Allianz spinta “green”: entro il 2050 investimenti neutrali per il clima

“Un portafoglio di investimenti a “impatto zero” sull’ambiente. È l’obiettivo che ha annunciato di volere promuovere la Net-Zero Asset Owner Alliance, il gruppo di investitori di cui è parte anche Allianz che gestisce complessivamente asset per 2.400 miliardi di euro, dei quali circa un terzo è riferito proprio al gruppo Allianz.”

Leggi l’articolo completo su Repubblica.it

 

Il Sole 24 Ore – Quota 100: costi, assegni leggeri e poche donne. Ecco perché ha poco appeal

“Un macigno sulla spesa pensionistica. Che, secondo le ultime stime della Ragioneria generale dello Stato, è destinata ad appesantirsi di oltre 63 miliardi fino al 2036, con una crescita media di 0,2 punti di Pil l’anno. Ma dai dati ufficiali emergono altri punti deboli di “Quota 100”.

Leggi l’articolo completo su Il Sole 24 Ore

I commenti sono disabilitati